Biddas
http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/279116Bono.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/103832Montresta.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/403800ploaghe.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/696569putifigari.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/462407romana.JPG http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/447385usini_sa_poesia.JPG
Regortas

Selezione operatori sportello linguistico dell'Unione dei Comuni dell'Anglona e della Bassa Valle del Coghinas

E' il 18 Agosto 2014 il termine per spedire

la domanda di partecipazione per la selezione di n. 2 operatori

per lo sportello linguistico sovracomunale dell'Unione dei Comuni dell'Anglona e della Bassa Valle del Coghinas.

Guarda il bando.

Finas a su degheotto de Austu si podet presentare

sa dimanda pro partetzipare a sa seletzione pro duos

operadores de s'isportellu linguìsticu subracomunale de s'Unione de sos Comunes de s'Anglona.

Abbaida su bandu.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (..BANDO_SPORTELLO UNIONE DI COMUNI...pdf)..BANDO_SPORTELLO UNIONE DI COMUNI...pdf 182 Kb
 

Bator chistiones pro sa valorizatzione de sa Cultura e s'impreu difusu de sa limba sarda

Generale

Quattro punti per la valorizzazione della Cultura e l'uso diffuso della lingua sarda

Il giorno 27 giugno 2014, alle ore 18, nel saloncino delle conferenze dell' Istituto di Studi e Ricerche “Camillo Bellieni”, in Via Maddalena 35 a Sassari, si è svolto un incontro finalizzato a fare il punto sulla situazione della cultura e della lingua sarda, alla luce anche, del potenziale economico ed occupazionale di tali settori.

All'iniziativa -promossa dalla storica istituzione culturale che s'ispira al nome e all'opera dell'eroe della Brigata Sassari Camillo Bellieni, storico della Sardegna romana e medioevale, nonché scrittore e animatore politico del primo sardismo, liberale ed antifascista militante, attiva nel territorio da 25 anni -hanno partecipato esponenti di associazioni culturali, operatori culturali, poeti, scrittori, autori di teatro, operatori degli uffici linguistici sovracomunali della provincia di Sassari, Nuoro, Ogliastra ed Oristano, giornalisti, bloggers, insegnanti, cultori ed appassionati.

Dal dibattito, ampio e variegato, che ha affrontato alcune delle tematiche fondamentali che investono lo stato e lo sviluppo della cultura in Sardegna, nel contesto, anche, della crisi ideale, valoriale ed economica che attraversa la società ed in particolare quella sarda, segnata da vecchi problemi quali l'insularità e l'arretratezza economica, cui si aggiungono quelli nuovi determinati dalla crisi dell'industria, dallo spopolamento dei paesi, delle città e dalla disoccupazione giovanile, che coinvolge alla stessa maniera lavoratori generici, laureati e specializzati, sono emersi quattro punti fondamentali che la nuova Giunta Regionale dovrebbe tenere in considerazione:

1- TUTELARE CHI LAVORA NEL MONDO DELLA LINGUA E DELLA CULTURA SARDA. Si chiede che venga garantito il finanziamento e la presenza degli uffici linguistici territoriali, diventati, ormai, dei veri e propri presidi culturali nel territorio, oltre che opportunità di lavoro per gli operatori che, in tutti questi anni, hanno acquisito competenze e professionalità.

2- LA LINGUA SARDA NELLA SCUOLA. L'inserimento della lingua e della cultura sarda nelle scuole, sulla base degli ambiti disciplinari previsti dalla l.r. 26 del 1997 e dalla l. 482 del 1999, può produrre nuove opportunità occupazionali per i laureati in discipline letterarie, linguistiche, storico-antropologiche ed artistiche, si chiede pertanto che venga aperto un tavolo tecnico-politico con la Sovrintendenza scolastica regionale e con il Governo di Roma, per valutare e percorrere le modalità, dentro la normativa vigente, e nel rispetto dell'autonomia scolastica, dell'ampliamento dell'offerta formativa, nelle scuole della Sardegna, attraverso l'insegnamento curricolare della lingua, della letteratura, della storia, della geografia, della storia dell'arte della Sardegna. La legislazione sull'autonomia scolastica, com'è noto, prevede, infatti, che il 20% del curriculum scolastico, possa essere utilizzato dalle scuole, di ogni ordine e grado, per introdurre nel curriculum degli studenti percorsi ed ambiti disciplinari ampliativi ed integrativi. La R.A.S. potrebbe incentivare, in questo modo, le scuole che favoriscono ed inseriscono, nel loro piano dell'offerta formativa, percorsi curricolari di lingua e cultura sarda. Unitamente a ciò, sarebbe opportuno, un processo di formazione, diffuso e permanente, degli insegnanti di lingua e cultura sarda. Inoltre sarebbe opportuno che la Regione richiamasse a sé gli articoli inerenti i progetti per le scuole, i comuni e le associazioni culturali di lingua e cultura sarda, previsti dalla l.r. 26/97, (art.13) demandati alle Provincie dalla Giunta Soru.

3- RIPRISTINARE I COMPITI DELL’OSSERVATORIO. Si chiede il ripristino e la convocazione dell' Osservatorio regionale della lingua e della cultura sarda previsto dalla legge 26/97, (art.5), di cui la vecchia Giunta Regionale aveva dimenticato l'esistenza. L'Osservatorio, com'è noto, è l'espressione delle diverse componenti istituzionali della società sarda: Scuola, Università, Regione, Provincie, Sovrintendenze, Facoltà teologica della Sardegna, ISRE etc.; così come si chiede alla Giunta Regionale ed all'Assessore competente il coinvolgimento e l'ascolto delle associazioni culturali operanti in Sardegna al momento della programmazione delle attività e del piano triennale (art.12) per la lingua e la cultura sarda.

4- RILANCIARE L’EDITORIA SPECIALIZZATA. Si ritiene che i mezzi di comunicazione di massa siano degli strumenti formidabili per la valorizzazione diffusa della lingua sarda; pertanto, oltre alla scuola, si chiede l'incentivazione dei giornali, delle radio, delle televisioni, dei blogs, del cinema, della documentaristica in lingua sarda, unitamente all'editoria libraria e delle riviste periodiche e specializzate che usino il sardo in toto o in parte come lingua veicolare. Anche in questi settori, l'uso e la promozione della lingua sarda, possono diventare volani occupazionali per le giovani generazioni.

L'assise non ha volutamente affrontato il problema della norma linguistica e dello standard, in quanto si ritiene che il problema sia già stato risolto con la così detta LSC (Limba Sarda Comuna), una norma ortografica utile per la scrittura, ma che non sacrifica né sminuisce gli usi del parlato presenti nei diversi territori isolani. Ed inoltre, perché, si ritiene che tutto sia perfettibile ed in continuo sviluppo. Tutte le lingue vive ed usate si evolvono e crescono sulla base delle funzioni e degli usi cui i parlanti e gli scriventi le espongono.

 

Bator chistiones pro sa valorizatzione de sa Cultura e s'impreu difusu de sa limba sarda

Sa die 27 de làmpadas 2014, a sas ses de sero, in s'aposentu de sas cunferèntzias de s'Istitutu de Istùdios e Chircas “Camillo Bellieni”, in Carrera Maddalena 35 in Tàtari, est istadu fatu un'addòbiu pro istudiare sa situatzione de sa cultura e de sa limba sarda, leende a cunsideru fintzas chi de custos duos setores nde podent giuare s'economia e  s'ocupatzione.

S'addòbiu est istadu ammaniadu dae s'Istitutu Camillo Bellieni: un'istitutzione culturale istòrica chi traballat in su territòriu dae 25 annos e at leadu su nùmene e sighit s'òpera de s'eroe de sa Brigata Tàtari, istòricu de sa Sardigna Romana e Medievale ma fintzas iscritore e animadore polìticu de su primu sardismu, liberale e antifascista militante. Fiant presentes esponentes de assòtzios culturales, operadores culturales, poetes, iscritores, autores de teatru, operadores de sos ufìtzios linguìsticos subra comunales de sas provìntzias de Tàtari, Nùgoro, Ogiastra e Aristanis, giornalistas, bloggers, maistros de iscola e amantiosos.

Sa dibata at tocadu chistiones chi pertocant sa cultura in Sardigna dende cara fintzas a sa crisi ideale, valoriale e econòmica chi afligit sa sotziedade e mescamente cussa sarda: sotziedade chi at su marcu de problema betzos comente su de èssere un'ìsula e su de èssere arretrada in s'economia e at su marcu fintzas de problemas noos comente sa crisi de s'indùstria, s'ispopulamentu de sas biddas e de sas tzitades, sa disocupatzione giovanile chi tocat a sa matessi manera traballadores genèricos, laureados e ispetzializados.

Dae custa dibata nd'at essidu a pìgiu bator chistiones chi sa Giunta Regionale diat dèvere leare a cunsideru:

1- AMPARARE SOS CHI TRABALLANT IN SU CAMPU DE SA LIMBA E DE SA CULTURA SARDA. Pro custu preguntamus chi siat garantidu su finantziamentu e sa presèntzia de sos ufìtzios linguìsticos territoriales, chi sunt oramai presìdios culturales de su territòriu e oportunidade de traballu pro sos operadores chi in custos annos sunt bènnidos a èssere cumpetentes e professionales.

2- SA LIMBA SARDA IN S'ISCOLA. Intrende in s'iscola sa limba e sa cultura sarda, in cunforma a sa  l.r. 26 de su 1997 e a sa l. 482 de su 1999, podent nàschere oportunidades de traballu noas pro sos laureados in matèrias literàrias, linguìsticas, istòricu - antropològicas e artìsticas, preguntamus, pro custu, chi s'abèrgiat una dibata tècnicu -polìtica cun sa Subrintendèntzia iscolàstica regionale e cun su Guvernu de Roma, pro iscumproare comente, in cunforma a sa normativa vigente e in intro de s'autonomia iscolàstica, si diat pòdere lòmpere a s'ampliamentu de s'oferta formativa, in sas iscolas de Sardigna, pro mèdiu de s'insegnamentu curricolare de sa limba, de sa literadura, de s'istòria, de sa geografia, de s'istòria de s'arte de sa Sardigna. Giai s'ischit difatis chi sa legislatzione subra de s'autonomia iscolàstica,  previdit, chi su 20% de su curriculum iscolàsticu, potzat èssere impreadu dae sas iscolas, de ogni òrdine e gradu, pro inserire in su curriculum de sos istudiantes percursos e àmbitos disciplinares ampliativos e integrativos. Sa R.A.S. diat pòdere intzentivare, de custa manera, sas iscolas chi favorint  e inserint, in su pianu de s'oferta formativa issoro, percursos curricolares de limba e cultura sarda. In prus de custu, diat èssere de importu mannu, unu protzessu de formatzione, difusu e permanente, pro sos maistros de limba e cultura sarda. Diat èssere cosa giusta chi sa Regione torret a èssere a cabu de sos artìculos chi pertocant sos progetos pro sas iscolas, sas comunas e sos assòtzios culturales de limba e cultura sarda, prevìdidos dae sa l.r. 26/97, (art.13) demandados  a sas Provìntzias dae sa Giunta Soru.

3- TORRARE A BIDA SOS CÒMPITOS DE S'OSSERVATÒRIU. Preguntamus de torrare a bida e de cunvocare s' Osservatòriu regionale de sa limba e de sa cultura sarda prevìdidu dae sa lege 26/97, (art.5), giai chi paret chi sa Giunta betza s'est ismentigada chi esistit. S'Osservatòriu, comente totus ischint, est s'espressione de sas cumponentes istitutzionales de sa sotziedade sarda: Iscola, Universidade, Regione, Provìntzias, Subrintendèntzias, Facultade teològica de Sardigna, ISRE etc.; pedimus fintzas a sa Giunta Regionale e a s'Assessore cumpetente chi siant coinvoltos e ascurtados sos assòtzios culturales chi traballant in Sardigna cando s’ant a fàghere sa programmatzione de sas atividades e su pianu triennale (art.12) pro sa limba e sa cultura sarda.

4- DARE ALENU A S'EDITORIA ISPETZIALIZADA. Semus seguros chi sos mezos de comunicatzione de massa sunt trastes de giudu pro sa valorizatzione difusa de sa limba sarda; pro custu, preguntamus de intzentivare sos giornales, sas ràdios, sas televisiones, sos blogs, su tzìnema, sa documentarìstica in limba sarda, paris cun s'editoria librària e sas rivistas periòdicas e ispetzializadas chi impreant su sardu in totu o in parte comente limba veiculare. In custos setores puru, s'impreu e sa promotzione de sa limba sarda, podent dare traballu a sos giòvanos.

 

Sos chi ant leadu parte a sa dibata no ant faeddadu de su problema de sa norma linguìstica e de s'istandard, ca sunt cumbintos chi su problema siat giai isortu cun sa LSC (Limba Sarda Comuna), una norma ortogràfica ùtile pro s'iscritura, ma chi non sacrìficat o mìnimat s'impreu de sa limba in su faeddu in sos territòrios de s'ìsula. E fintzas ca seguros chi totu si potzat megiorare e totu creschet die cun die. Ogni limba bia e impreada si megiorat e creschet in cunforma a comente sa gente la faeddat e l'iscriet.

 

Dae s'addòbiu de su 27 de Làmpadas

Generale
Bator chistiones pro sarvare sa limba sarda

Una rechesta de interventu urgente a sa Giunta regionale nd'est essida a pìgiu

dae sa riunione ammaniada dae s'Istitutu Bellieni.

Amparare chie traballat in su campu de sa limba sarda, su sardu in sas iscolas, torrare a bida sos còmpitos de s'Osservatòriu regionale e dare alenu a s'editoria ispetzializada in custos tempos de crisi manna.
Custas sunt sas chistiones aprovadas chenàbura sero in sa sala de sas cunferèntzias de s'Istitutu Camillo Bellieni in un'addòbiu cun gente meda e a iscutas fintzas abbolotadu, nàschidu pro amparare sa limba sarda e sos postos de traballu chi li pertocant.
B'aiat esponentes de su movimentu linguìsticu, poetes, iscritores, autores de teatru, rapresentàntzias de assòtzios, giornalistas, operadores de sos isportellos linguìsticos, maistros e amantiosos. Totus sos problemas essidos a pìgiu sunt istados iscritos in unu documentu chi at a èssere presentadu a sa Giunta regionale pro chi lu leet in cunsideru in sa Finantziària imbeniente.  
At abertu su cunvegnu Maria Doloretta Lai, presidente de su Bellieni, at sighidu Michele Pinna, diretore iscientìficu, chi at mustradu sa netzessidade de lassare a banda sas espressiones personalìsticas pro torrare a una polìtica linguìstica partetzipada. In meda sunt intervènnidos a pustis.
Su meledu naschet dae su cunsideru chi in custos annos giòvanos meda sunt bènnidos a èssere professionales e cumpetentes: unu traste bonu pro amparare e promòvere sa limba sarda. Pro custu est chi tocat de afortigare su traballu giai comintzadu comente sos ufìtzios linguìsticos. 
Bisòngiat chi sa limba sarda intret in iscola comente percursu formativu curriculare essende a foras dae sos progetos fatos cando non cando: «Preguntamus a sa Giunta regionale - narat Pinna – chi s'impignet a sa lestra pro agatare acordos cun sa Subrintendèntzia iscolàstica e cun su Guvernu».
Un'àtera chistione de importu mannu est chi tocat de torrare a bida sos còmpitos istitutzionales de s'Osservatòriu regionale de sa limba sarda. Custu organismu est nàschidu cun sa lege 26 de su 1997 pro dare indicos de polìtica linguìstica a s'assessoradu cumpetente e non s'est riunende prus: devet torrare a èssere espressione siat de su Consìgiu Regionale siat de sas Provìntzias, siat de s’Universidade siat de totus sas àteras istitutziones culturales.
No est mancadu in sa dibata s'amparu de s'editoria e de su giornalismu chi sunt duos setores in crisi manna e chi gràtzias a sos interventos chi pertocant sa limba sarda diant pòdere torrare alenu.  
In sa manifestatzione est istada presentada calicuna de sas ùrtimas publicatziones de s'Istitutu Bellieni: “Ballare in sardo”, “Prèigas” e su nùmeru nou de sa rivista “Sesuja”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quattro punti per salvare la lingua sarda

Dalla riunione promossa dall’Istituto Bellieni

una richiesta di intervento urgente alla Giunta regionale

Tutelare chi lavora nel mondo della lingua sarda, portare il sardo nelle scuole, ripristinare i compiti dell’Osservatorio regionale e rilanciare l’editoria specializzata in questo momento di grave crisi.
Sono questi i punti approvati venerdì sera nella sala conferenze dell’Istituto Camillo Bellieni al termine di un incontro molto partecipato e a tratti acceso, che ha riunito esponenti del movimento linguistico, poeti, scrittori, autori di teatro, rappresentanze di associazioni, giornalisti, operatori degli sportelli linguistici comunali, insegnanti e appassionati, con il fine di tutelare la lingua sarda e i posti di lavoro che in questi anni si sono formati intorno a essa. Tutte le criticità sono state inserite in un documento che sarà presentato alla Giunta regionale, per essere prese in considerazione nella prossima Finanziaria.
Ha introdotto i lavori Maria Doloretta Lai, presidente del Bellieni, seguita da Michele Pinna, direttore scientifico, che ha sottolineando la necessità di abbandonare le espressioni personalistiche e ritornare a una politica linguistica partecipata. Numerosissimi gli interventi a seguire.
Tutto parte dalla considerazione che in questi anni molti giovani hanno acquisito professionalità e sono diventati un punto importante per la difesa e la promozione della lingua sarda. Per questo occorre rafforzare le attività già intraprese come quelle degli uffici linguistici comunali.
È importante che la lingua sarda entri nelle scuole come percorso formativo curriculare, uscendo dall’occasionalità dei progetti: «Domandiamo alla Giunta regionale - afferma Pinna - di impegnarsi ad aprire quanto prima un tavolo con la Soprintendenza scolastica e con il Governo».
Altro tema di primaria importanza è il ripristino dei compiti istituzionali dell’Osservatorio regionale sulla lingua sarda. Questo organismo, nato con la legge 26 del 1997 per dare indicazioni di politica linguistica al competente assessorato non è più stato riunito: deve ritornare a essere espressione sia del Consiglio Regionale che delle Province, sia dell’Università come di tutte le altre istituzioni culturali.
Non poteva mancare la tutela di settori come l’editoria e il giornalismo, in crisi come pochi, che proprio grazie agli interventi sulla lingua sarda potrebbero ottenere una boccata di ossigeno.
Nella serata sono state presentate alcune delle ultime pubblicazioni del Bellieni: “Ballare in sardo”, “Prèigas” e il nuovo numero della rivista “Sesuja”.

 


 

 

"Rassegna stampa"

 

25.06.2014

http://www.buongiornoalghero.it/contenuto/0/35/67768/al_bellieni_le_politiche_culturali_della_sardegna.aspx

http://notizie.sassarinews.it/n?id=73991

http://notizie.cagliarioggi.it/n?id=73991

http://notizie.alguer.it/n?id=73991

http://notizie.olbia24.it/n?id=73991

http://notizie.oristanonews.it/n?id=73991

http://notizie.portotorres24.it/n?id=73991

27.06.2014

http://www.sassarinotizie.com/articolo-25360-politiche_culturali_e_linguistiche_in_sardegna_stasera_allistituto_camillo_bellieni.aspx

http://www.sardegnadies.it/politiche-culturali-linguistiche-in-sardegna/

http://ricerca.gelocal.it/lanuovasardegna/archivio/lanuovasardegna/2014/06/27/NZ_24_03.html?ref=search

30.06.2014

http://www.sardegnadies.it/punti-per-salvare-lingua-sarda/

http://notizie.sassarinews.it/n?id=74190

http://notizie.cagliarioggi.it/n?id=74190

http://notizie.oristanonews.it/n?id=74190

http://notizie.alguer.it/n?id=74190

http://notizie.olbia24.it/n?id=74190

http://notizie.portotorres24.it/n?id=74190

02.07.2014

http://www.olbianotizie.it/articolo-25442-quattro_punti_per_salvare_la_lingua_sarda.aspx

http://www.sassarinotizie.com/articolo-25442-quattro_punti_per_salvare_la_lingua_sarda.aspx

04.07.2014

http://lanuovasardegna.gelocal.it/sassari/cronaca/2014/07/04/news/limba-appello-alla-regione-ripristinate-l-osservatorio-1.9540146

Tv – su servìtziu de Videolina

30.06.2014

http://www.videolina.it/video/servizi/66018/sassari-convegno-per-il-rilancio-e-la-tutela-della-lingua-sarda.html

 

 

 

 

Totu prontu pro s'addòbiu de su 27 de Làmpadas

Generale

Totu prontu pro s'addòbiu de custu sero. Bos isetamus in meda!

 

 
Altri articoli...
Sardo - SardegnaItalian - Italy
Sos Libros
http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/533330Abbojos.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/333924castellacc.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/146802sardoascuola.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/418282europadiversita.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/49296688_7356_074_1.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/869168limb.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/722986corongiu_1_.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/219493copertinabellieni.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/874079statuto.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/360315simonmossa.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/486850dichiarazione_decreti.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/742525araolla.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/701582tola.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/174161cocco_ortu.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/970767auton_fed.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/493044marinasechiscan.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/609832A_sa_logudoresa.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/751756Antoninu_Mura_Ena.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/345495Considerazioni_dal_margine.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/955885Filosofia_e_scienza.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/727290L__esperienza_tradita.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/135289Le_ragioni_dll__identit__.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/394971Predu_Mura.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/627822Per_una_pedagogia_dell__identit__.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/842920Segni_d__identit__.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/545167copertina_solo_fronte.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/705346COPERTINA_solo_fronte.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/655145copertina_solo_fronte.jpg
Adòbios
Sos giornales
http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/692829laerru_in_limba.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/825689itireddu_in_limba___copertina.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/147770al___dei_sardi.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/741185benetutti.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/286304bono.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/195039martis.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/560053martis.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/579110noragugume.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/460050nule.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/112933nulvi.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/975646olmedo.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/753932osilo.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/730283ossi.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/395007padria.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/117809sagama.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/894720sennori.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/825573simaghis.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/929403tergu.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/705484thiesi.jpg http://www.istituto-bellieni.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/106048usini.jpg
Statisticas
Tot. visite contenuti : 357676